Palio-2016-Live

Palio 2016 – riVIVIAMOLO Insieme!!!

ISTRUZIONI PER L’USO
Amici e amiche, piccoli e grandi, contradaioli e contradaiole, fedelissimi e castellane, popolo biancorosso!
Braciere acceso, benedizione presa, tutti ai vostri posti e si parteeeeee!!!! Inizia il Palio 2016!!!!
Quasi 15 giorni intensissimi per tutti noi e tutti per noi….
Tranquilli, vi veniamo incontro…

Volete rivivere le emozioni della sera prima? O semplicemente fingete una temporanea perdita di memoria perché la vostra squadra è arrivata ultima? Non siete riusciti venire per qualche fantomatico impegno inderogabile? L’Inter o il Milan giocano in Champions League? (no dai, almeno sceglietevi bene le scuse!!)… Peggio per voi!!! Non sapete cosa vi siete persi perché vivere il Palio da vicino è un’esperienza
F-A-N-T-A-S-T-I-C-A.
Ma dato che vi vogliamo tutti “sul pezzo”, abbiamo pensato di creare un piccolo diario di bordo per vivere e rivivere le emozioni che regala ogni singolo evento…
Naturalmente il tutto in chiave semiseria! Perché il Palio è soprattutto DIVERTIMENTO!!!
Buona lettura!!!

11 Settembre – Vie del Centro – Sfilata

Giochi archiviati, ma non c’è tempo di respirare: è tempo di sfilata.

Qui giochiamo in casa e non solo perché sfiliamo nelle nostre strade, ma perché il fuoriclasse ce l’abbiamo noi.
Un minuto dopo l’estrazione del 6 gennaio, Luca e i suoi fedelissimi iniziano come di consueto a studiare, lavorare, raccogliere materiale, incasellare personaggi, momenti, luoghi e movimenti perché il Rione regali al pubblico uno spettacolo unico attraverso un tema affascinante e ricco di significato: l’Acqua!
Anzi due spettacoli… perché fin dal sabato viene occupata la piazzetta “del Belli” per procedere all’installazione nientepopodimenoche… di Atlantide.
Beh, come sempre in questi casi le parole dicono poco o nulla, però chi se non noi poteva pensare di farvi varcare il cancello del mitologico mondo sommerso, con colonne, simboli sospesi, barche, teschi, un obelisco in grado di far zampillare l’acqua dalla cima e addirittura una vasca per immersioni? Chapeau! Bellissimo!
La domenica il paese si anima fin dalla mattina… è bello vivere la tranquilla atmosfera pre-sfilata specie se il tempo è soleggiato come quest’anno. A causa degli interminabili lavori (di festeggiamento), riusciamo solo ad andare a rendere omaggio al Rione Bozzente le cui decorazioni a tema “Aria” riempiono l’intera via Corridoni e forniscono un coloratissimo e spettacolare colpo d’occhio (bravi bravi!) e l’ottimo aperitivo ci ricorda che non si vive “di sola Aria”. Gli altri rioni li applaudiremo in sfilata.
Noi iniziamo a dare spettacolo con due sirene che volteggiano nella vasca! E consentiamo a tutti di provare l’esperienza delle immersioni. Atlantide è viva, mozzatesi e non entrano e apprezzano.
Poi dal primo pomeriggio si sale ancora di livello: ultimi dettagli per la sfilata in cooperativa, poi ritrovo in stazione e si parte.
Il quadro storico apre la sfilata con lo stemma rionale, la dama e il cavaliere e soprattutto Capitano e consorte che dopo tanto, tantissimo lavoro si godono i meritati applausi del numerosissimo pubblico. Nota a margine: noi de La Torre facciamo sempre sfilare il Capitano insieme alla moglie per rimarcare l’importanza della famiglia (e idealmente di tutte le famiglie dei contradaioli) nella preparazione e riuscita del Palio.
Poi via via si toccano i vari temi con i figuranti sapientemente coordinati da Luca che spiega il tema e il modo in cui è stato interpretato come sempre alla perfezione. Abbiamo i segni zodiacali d’acqua, sirene e creature marine coi corpi dipinti fin dalle prime ore del mattino da Benedetta, Cinzia, Lucia, Veronica e altre artiste ancora che sono vere e proprie opere d’arte, i bronzi di Riace, i surfisti, la nave del wwf coi bimbi a ricordarci l’importanza dell’acqua, Nemo, Nettuno!

14291896_10205235634689192_2861021912082740596_n

14333777_10205235643769419_2691552410784746009_n

14322681_10153869618962644_3222899395432275192_n

14333605_10153869618932644_8066377028395925448_n

14238176_10210827290907833_415569960026727022_n

Il tutto con la fantasia che raggiunge vette altissime! Sì, perché l’acqua non è solo rappresentata e interpretata, ma scorre vera da via Figini, passando per Piazza Cornaggia fino a via S. Alessandro permettendo alle creature marine di immergersi nel loro habitat naturale e alla nave di solcare il mare.
La sfilata, come al solito, è una sfida artistica che vede tutti vincitori: il Solaro, che mostra la potenza del fuoco, il Bozzente con la leggiadria dell’aria, il Mornera con le radici della terra. Noi veniamo sommersi di applausi, riconoscimenti e gratificazioni che sono un omaggio a ideatori, esecutori ed interpreti.

copia-di-img_2222

Le foto finali TUTTI insieme sono più di un ricordo; sono momenti di unione e condivisione che ci devono far ricordare la gioia dello stare insieme per costruire qualcosa di più della vittoria ad un gioco o della riuscita di uno spettacolo.

Stasera processione, poi si spegnerà il braciere.
Si chiude un magnifico Palio! Vi aspettiamo nel 2017!
W il Palio! W il Rione La Torre! senza dimenticarsi mai che…

img_9406

10 Settembre – Ottagono – Palo della Cuccagna

Il grande giorno è arrivato, fin dalle prime ore del mattino la piazza si anima e tutti i rioni si mobilitano per ingrassare i pali e montare le reti.

img_9400

I nostri ragazzi arrivano tutti da una notte insonne perché la tensione è alta, sulle spalle pesano grandi responsabilità e la voglia di ricambiare la forza della tifoseria consegnandogli la bandierina aumenta la determinazione.
Qui i livelli di scaramanzia sono alle stelle, riti pagani ormai dimenticati da secoli tornano alla ribalta e ognuno li conduce in forma privata e rigoroso silenzio.
Le bandierine vengono posizionate e i pali chissà perché sembrano essere alti il doppio rispetto a quello su cui ci si è allenati tutta l’estate.
La mente dice che partiamo avvantaggiati perché la nostra bandierina è la più bassa, ma chi ha provato lo sa bene che non saranno certo quei 20 centimetri a fare la differenza.
Lasciamo la piazza dandoci appuntamento per cenare tutti insieme alle 18 a casa di Bruno, nulla deve essere lasciato al caso.
L’atmosfera della cena è elettrica, mentre la Juve strapazza il Sassuolo in tv, si cerca di sdrammatizzare, ma siamo tutti concentrati e pensierosi, ognuno di noi ripassa i movimenti nella propria testa, non è concesso l’errore, per battere i campioni in carica bisogna essere perfetti.
Serve un foglio, decidiamo e scriviamo nero su bianco la nostra strategia, chi sarà il primo è troppo facile, Filippo! Colonna portante della squadra, soffre in silenzio da mesi ma nessuno dei presenti lo ha mai sentito lamentarsi nemmeno una volta.
Teto e il Capitano sono intercambiabili quindi si decide che si scambieranno le posizioni ad ogni assalto. E poi c’è Davide, la rivelazione del gruppo, arrivato un giorno come la provvidenza e trasformatosi all’istante in pedina indispensabile.
Si decide di tenere fuori con le tute pulite i pezzi da novanta del gruppo; Seba capelli d’angelo ma muscoli d’acciaio, da mesi si sta smazzando il lavoro sporco, il suo ruolo è il più faticoso e solo per esserselo caricato sulle spalle merita il massimo rispetto.
Ricky, la nostra morsa d’acciaio… quando ti sale sopra vedi le stelle, ma nessuno si lamenta, perché quando si lega lui può tenere su da solo tutta la pigna.
Insieme a noi ci sono anche Gigi, allenatore instancabile che sembra essere il più teso di tutti, Mille che ci ha seguito e supportato fin dall’inizio e il mitico Valentino, sempre pronto a mettersi all’opera per soddisfare le nostre richieste.
Non so se per colpa della tensione, per la bravura dei cuochi o solo per farci arrabbiare i tre mangiano come se non ci fosse un domani, lasciandoci con l’acquolina in bocca dopo i nostri 80 grammi di pasta e tre fette contate di bresaola. Ci siamo, ci si incammina verso la piazza, si entra nel vecchio cinema dell’oratorio per cambiarsi e può iniziare la battaglia.
Siamo pronti, Teto ci consegna le tute che aveva tenuto in custodia e sulla manica destra, quella che hai sempre di fronte quando sei sul palo, si vede a chiare lettere la scritta “NOI SIAMO IL RIONE LA TORRE”… è stata messa li proprio per farci capire che oggi mollare è impossibile.
Lo speaker presenta gli atleti, tra rioni ci si saluta tutti in segno di rispetto, solo il fatto di provarci è sinonimo di coraggio e sacrificio.
La piazza è gremita e le tifoserie si sono date battaglia anche in termini di coreografie e striscioni; qui non c’è storia, La Torre è compatta e festosa e non ci sono dubbi su quale sia la migliore.

14324378_364065333981355_9033308003977756831_o

3, 2, 1, VIAAA, primo assalto, 30 secondi che scorrono velocissimi, l’obiettivo è quello di salire in quattro per cominciare la pulizia e Davide arriva in cima proprio a pochi secondi dallo scadere.
Missione compiuta, il Mornera è messo esattamente come noi, Solaro invece sembra stranamente in affanno, Bozzente in difficoltà fin dalle prime battute.
Secondo assalto, 40 secondi, qui si sale in fotocopia come nel primo ma con Teto e il Capitano che si scambiano le posizioni, questa volta Davide ha tutto il tempo per pulire a fondo.
Il Mornera si porta in vantaggio, il Solaro invece sembra studiare la situazione.
Fatto anche questo, adesso abbiamo 50 secondi per il terzo assalto, la quarta posizione è pulita quindi può entrare in gioco Seba, facciamo il primo scavalco.
Siamo tutti li, il quarto assalto lungo un minuto lo facciamo sempre in fotocopia come il terzo ma con le solite posizioni invertite.
Quinto assalto, quello decisivo, qui si deve salire! Il Mornera ormai è a un passo e del Solaro non si fida nessuno.
Il pubblico è rapito dal grande equilibrio che offre la gara! Quasi non ci si rende conto che mentre il Mornera in gran forma sale, La Torre a seguito di un infortunio perde qualche secondo, è  proprio il Solaro, che con una prova strepitosa, raggiunge la cima e strappa via la bandierina in soli 44 secondi.
Ci guardiamo negli occhi delusi e arrabbiati, ma non appena la nostra curva ci chiama il cuore si riempie e andiamo tutti insieme ad abbracciarli.

14310484_364065217314700_1409956215503666073_o

È finita! Sconfitti ma pieni di orgoglio, con la consapevolezza che ci siamo sempre allenati con costanza, serietà e determinazione e con la voglia di riprovarci ancora!
La serata prosegue con grandi festeggiamenti prima in oratorio e poi nel capannone del Solaro per onorare i vincitori.

625b21d0-5fea-415c-97bb-5c43ee9965c0

Sono le 3.30 ma nessuno ha voglia di andare a casa, quindi chiudiamo la serata con gli ultimi superstiti direttamente a casa del Capitano per l’ultima bevuta insieme.
Non è arrivato il cencio ma CHE NOTTE RAGAZZI!

7 Settembre – Campo Sportivo – Corsa coi sacchi, staffette, corsa con le carriole

Ultima serata di giochi… Tre rioni in quattro punti e il Mornera che storicamente ha sempre macinato vittorie con le sei staffette che da sole ne mettono in…Palio ben 120.
Che tensione! Atmosfera a dir poco elettrica, tanta gente che invade il Centro Sportivo molto prima delle gare: poche storie, è la sera decisiva.
Noi arriviamo presto per sistemare bandiere e striscioni al “nostro” posto, poi arriva il Solaro con i carichi grossi: fumogeni, bandieroni e palloncini che si issano fin sopra la tribuna! Bravissimi anche loro!
Pronti coi sacchi? No, mancano! Breve ritardo e si parte.

Corsa coi Sacchi

palio16-vi-sera_018-copia

Subito Ivan per noi, un altro di quelli che ha fatto e bene i giochi più tosti, e anche qui si difende alla grande: secondo in prima frazione. Poi Pam, la sfrecciante “multiskilled” del rione parte a fuoco, a seguire Saiid con la sua spettacolare andatura da cowboy, Cristina, per la quale correre sulla pista dei sacchi è come farlo nel giardino di casa e Alessandro, stile, caparbietà e un futuro assicurato da top player.
Situazione: ci si intervalla tra il primo e il secondo posto ma il Solaro sembra averne un po’ di più; ma i sacchi sono un gioco nel quale occorre abbinare velocità e coordinazione ma anche capacità di gestione perché cadere è facile. Infatti la concorrente del Solaro cade e la nostra piccola grande purosangue Lara, anche lei veterana del gioco, si invola solitaria per il penultimo cambio. Parte Davide, rapido e concentratissimo, guadagna altri metri e passa il vessillo alla sorellina Chiara. Ragazzi, ma la bambina più competitiva di tutte le terre emerse può perdere?! Ma va… non se lo perdonerebbe mai. Vai Chiarettaaaaa non fermarti!! E sia… traguardo tagliato per primi, piccolo margine acquisito, popolo biancorosso che fa tremare la tribuna e un applauso grandissimo a coach Fabrizio che ha allenato senza mai mollare un colpo e sempre con il sorriso… in piena filosofia de La Torre.

Staffette

Le staffette sono un terreno tradizionalmente un po’ ostile per noi; le 4×100 giamaicane del Mornera fanno sempre la voce grossa, ma quest’anno abbiamo tante potenzialità e un margine da difendere.
I ragazzi e le ragazze lo sanno. Coach Luca li prepara sui cambi anche nei minuti che precedono la gara perché nulla deve essere lasciato al caso.
Sorteggio di tutte le staffette femminili… 4a corsia: non ci piace ma tanto son 400 metri per tutti.
Partono le nostre piccole castellane, si trovano al loro fianco bimbe più grandi di loro, 100mt per le bimbe sono tanti, sembrano non finire mai, loro la interpretano nel modo giusto, corrono a perdifiato come se fosse la gara della vita; e lo è perché quella che si gioca in quel preciso istante è sempre la gara della vita. Martina, Iris, Giulia e Chiara arrivano quarte ma siamo tutti fieri di loro; avranno modo di rifarsi nei prossimi anni… garantito.
Si prosegue con la femminile delle medie… ci puntiamo forte perché Alice, Gaia, Khadija e Camila sono atlete vere, preparate dal punto di vista fisico e con una grande mentalità. Gara combattuta, emozionante, ricca di colpi di scena (Khadjia addirittura cade) ma le nostre sono spettacolari!!! Spettacolari!!! Vittoria e 20 punti fondamentali!

palio16-vi-sera_050-copia

Ah sì, perché nel caso ve lo foste dimenticati, il testa a testa nella classifica generale è entusiasmante e dopo le prime tre gare non c’è ancora nessun rione in grado di andare in fuga. Tensioneeeeee!!!
Partono le donne over16… Le velociste cresciute e pasciute dal settore tecnico biancorosso sono Latifa, Melissa, Gaia e Pamela (subentrata a Ramona pochi istanti prima della partenza). Oh mamma e figlia nella stessa gara!! Dovrebbero darci punti in più!! Il Mornera se ne va confermando la tradizione delle sprinter d’oltrevaresina, noi un po’ indietro e nel cambio in terza frazione il misfatto: la concorrente bozzentina ostacola involontariamente, ma in maniera decisiva, in mezzo alla pista, la nostra Latifa. La gara termina e il risultato viene congelato in attesa del conclave della giuria che avverrà a fine serata… però filmati, superslow, e immagini in hd che ci giungono in tempo reale dalla spydercam montata dal nostro contradaiolo Fabio (a cui va un doveroso ringraziamento da parte di tutti i rioni per presenza, disponibilità e l’incessante lavoro audio) non lasciano spazio a dubbi. Il Bozzente verrà squalificato e il terzo posto nostro.
Ora è la volta dei maschietti. Partono come sempre prima i piccoli e il nostro team non è affatto male: Tommaso, 2009 grintosissimo è in prima, poi Stefano, Davide e Stefano per il tratto finale. Il Mornera, tanto per cambiare, la fa da padrone ma subito dopo arrivano i nostri con un’ultima frazione monstre di Stefano! Mamma mia! Terribili i nostri piccoli eroi.

palio16-vi-sera_058-copia

Due terzi delle staffette completate, la serata è lunghissima e ne approfittiamo per fare due conticini perché il numerosissimo popolo biancorosso regala un colpo d’occhio (e pure d’orecchio) che varrebbe da solo il prezzo del biglietto, ma è inutile negarselo: il traguardo è vicino e c’è…. tensioneeeee!!!
Quindi, per i soli parziali: La Torre 260, Solaro 256… per il Bozzente, che si è staccato complice la squalifica, e il Mornera c’è ancora gara ma ora è più dura.
Avanti con i ragazzi delle medie: qui, a causa di qualche defezione di troppo, siamo costretti a far gareggiare ben tre ragazzi delle elementari. Costretti si fa per dire perché Andrea si comporta come un grande, Stefano C. non sente la fatica della precedente staffetta, Stefano B. conferma la sua natura di sprinter e in ultima abbiamo Alessio che deve condurre i suoi al traguardo. Anche qui, gran gara, le velocità vanno via via crescendo all’aumentare dell’età dei partecipanti e portiamo a casa un prezioso terzo posto! Bravi! Dai ragazzi, dai!
Tocca ai grandi, la gara più veloce della serata è alle porte e noi non scherziamo per niente, sappiamo il fatto nostro!
Francesco, Samuele, Saiid e Davide sono una squadra vera di ragazzi bravi, seri e, quello che ci interessa adesso, velocissimi.
Sguardo agli altri rioni… sembrano ben messi anche loro e, aridaje, i migliori sembrano quelli del Mornera.
Partenza a razzo e, con ottimi cambi, si arriva in un attimo in quarta frazione… Il Mornera è davanti, il Solaro è davanti a noi e il Bozzente quarto… la squalifica del Mornera per un’incauta invasione di campo di un ragazzo che va ad urtare il concorrente del Bozzente ormai ultimo accende la serata ma non cambia la classifica generale che recita testualmente: Solaro 292, La Torre 288, gli altri ormai staccati.
Per gli amanti degli sport motoristici: avete presente i duelli Villeneuve-Arnoux oppure Rossi-Marquez? Dove nessuno molla un centimetro e ci sono sorpassi e controsorpassi a non finire? Bene, è proprio quello che sta accadendo e arriviamo all’ultima curva secondi ma in scia…
Ebbene sì, ci giocheremo il primo posto (cosa che non accade da qualche anno) alla corsa con le carriole.

T-E-N-S-I-O-N-E-E-E-E

Corsa con le Carriole

I nostri si sono preparati a lungo, hanno studiato filmati, cambiato posizioni, provato mille e mille volte i cambi… ora è il momento! Ci vuole un misto tra velocità ed equilibrio altrimenti si rischia di vanificare tutto.
Partono Giorgio, stratega del gruppo, e Carolina, la veterana con riti preallenamento assolutamente discutibili (!); gara dura, equilibratissima, un testa a testa unico fino a metà gara… cambio: Alessandro parte forte, o meglio crede di farlo, perché a breve scopre che essere il più vecchio dei contendenti conta qualcosina; arrivati al cambio uomo-donna abbiamo perso qualcosa e le posizioni sono meglio delineate: Bozzente, Solaro, Torre, Mornera.
Ragazzi, o sorpassiamo il Solaro o siamo secondi nella generale… non sono avanti di tanto ma hanno la corsia interna (memorizzate… corsia interna).
Parte Elena, motivatrice del supergruppo e all’ultima fatica di questo interminabile Palio, e subito succede l’impensabile: in curva la coppia sanmartinese stringe troppo e la corsia interna non perdona; la ruota tocca il cordolo, tentativo di controbilanciare e patatrac! Il Solaro cade…. Ora siamo secondi, il Mornera dietro non ci impensierisce, Elena sembra quasi sbandare, poi recupera qualcosina sulla bozzentina e arriva stremata al traguardo. Noi secondi! Solaro quarto! Missione compiuta!
C’è qualche verdetto sub-judice ma che non cambierà le sorti della gara.

Gente… la generale ci dice che abbiamo fatto qualcosa di fantastico. Dopo 19 estenuanti, entusiasmanti giochi siamo PRIMI! PRIMI! Abbiamo superato la soglia dei 300 punti e ne abbiamo 4 di vantaggio sul Solaro!

schermata-2016-09-08-alle-12-33-32

I carriolisti corrono con il Capitano sotto la curva biancorossa e ci si lascia andare ad abbracci interminabili, canti, balli e magnifiche esultanze.

palio16-vi-sera_078-copia

Guardiamo tutti i torriani in tribuna e capiamo di avere vinto! No, non di avere vinto la classifica dei giochi che, per quanto sia eccezionale, non garantisce la vittoria. Abbiamo vinto perché in oltre quattro mesi di allenamenti abbiamo lasciato sul campo sudore e fatiche, abbiamo rinunciato a più comode serate, lasciato in sospeso altre passioni, ma abbiamo costituito un gruppo fantastico, abbiamo insegnato ai nostri ragazzi – e anche a noi stessi – che fare sport e fare Palio è impegnativo ma dà soddisfazioni pazzesche! Ma soprattutto, ci siamo divertiti un casino!
E lo stupendo popolo biancorosso, che sembra non voler lasciare la tribuna e non far finire la serata, ce lo ricorda!

palio16-vi-sera_082-copia

Grazie atleti, grazie responsabili, grazie Capitano, ma soprattutto grazie contradaioli! Tantissime mani hanno contribuito a tirare verso il basso la bandierina per facilitare il compito dei ragazzi della cuccagna.

Sabato tutti in piazza… Regalateci un sogno!!!!!

6 Settembre – Palestra scuole elementari – Palla Spagnola

Palio16 V sera_036 copia

Eccoci qui per il consueto appuntamento con la Palla Spagnola, gioco che coinvolge grandi e piccoli e che richiede precisione e prontezza di riflessi sconosciute a gran parte del genere umano.
Michela ha allenato alla grande i suoi e, come tutti i suoi colleghi responsabili, ha creato un gran gruppo! Così tanta gente agli allenamenti della palla non ce li ricordiamo.
L’evento si svolge nella palestra delle scuole gremita in ogni ordine di posti, con gli spalti colorati dai quattro colori dei rioni mozzatesi e soprattutto con un clima torrido che, tuttavia, non può spaventare i nostri ragazzi che si sono allenati tutta l’estate in condizioni da Navy Seals.
Fuori, degna di nota la postazione Bar, con tanto di panini e salamelle, preparata dal Convocato; il Bozzente, forse distratto dalla manifestazione, perde il controllo del suo elemento e scatena un vento infernale che crea non poche difficoltà ai nostri grigliatori!
Per l’occasione la nostra tifoseria decide di schierare le armi pesanti: alle voci che incitano incessantemente i nostri atleti, si aggiungono due nuovi bandieroni biancorossi cuciti nottetempo dalla mitica signora Angela, mamma di Filippo, e si decide di portare anche la musica. Sì, serve la colonna sonora per cantare tutti insieme la versione “Rione La Torre” del tormentone dell’estate Andiamo a Comandare! Ed così che la celeberrima cassa di Filippo, che ha tenuto compagnia per tutta l’estate ai ragazzi che si sono allenati per il palo, varca le soglie della palestra.
L’atmosfera si scalda e gli spalti diventano una vera bolgia! Giusto il tempo di fare la tradizionale foto di gruppo, per l’occasione con le squadre tutte mischiate tra loro, e poi via col sorteggio.
Stranamente per prima non esce La Torre, ormai era un classico, e così partono Mornera e Bozzente.
Ma…. Fermi tutti! è il compleanno di Antonella, consigliere del Bozzente; dato che si era raccomandata di non dirlo a nessuno si parte con i festeggiamenti in pompa magna con tanto di musichetta, torta, candeline e gioiosa presenza davanti al pubblico in giubilo!.
Il Bozzente si dimostra di livello superiore e porta a casa la vittoria. Complimenti! Questo gioco è spesso loro appannaggio.
Ma ecco il nostro turno, ci giochiamo la prima con il Solaro… la partita è equilibratissima, arriviamo al minuto finale praticamente pari ma poi la fortuna si distrae qualche secondo e anche il nostro ultimo campione deve desistere… bella partita ma incassiamo una sconfitta.
Nemmeno il tempo di dissetarsi che tocca di nuovo a noi…
Questa volta con il Mornera si sente subito un’altra musica… dagli spalti il tifo è assordante e i ragazzi lo sentono chiaramente in campo; i nostri cecchini ormai sono caldi e gli avversari cascano ad uno ad uno come birilli. La Vittoria è nostra!
La situazione vede Torre e Solaro con una vittoria a testa, Bozzente con due e Mornera fermo al palo.
Parte la sfida Solaro – Mornera, qualche svista arbitrale infiamma subito il clima che però, nonostante tutto, rimane dentro i confini della civiltà… al termine avviene l’incredibile: la partita finisce pari con un giocatore in campo per parte.
I ragazzi scendono in campo carichi, una vittoria vorrebbe dire primo posto! Si capisce subito però che la fortuna prima si era distratta ma adesso è definitivamente svanita… nei primi minuti vengono presi i bombardieri e poi ad uno ad uno gli altri. La nostra grintosa reazione non è sufficiente e finiamo al terzo posto di serata.
I ragazzi in campo hanno dato tutto, Michela lo capisce e si congratula con ognuno di loro; sono stati grandi quindi possono ritirare il prezioso premio preparato per loro, un ghiacciolo ciascuno che nel caldo infernale della palestra vale oro. Ovviamente non prima di essere passati dal popolo biancorosso a raccogliere il meritato applauso.
Lasciamo la palestra con la grande consapevolezza che ci regala la classifica: infatti Stefano, Marco, Cristina, Marta, Samuele, Priscilla, Davide, Lorenzo, Alessio, Chiara, Gaia, Giacomo, Davide, Andrea, Francesco, Elisa, Gaia, Lara, Melissa e Alessio ci consentono di restare primi a pari merito con i campioni in carica del Solaro, davanti a Bozzente e Mornera.
Domani sera le sfide saranno decisive… tutti a riposare le corde vocali perché nessuno potrà fare a meno di usarle!

4 Settembre – Vie del Centro – Maratonine femminile e maschile

Maratonina Non Competitiva

14263973_1131140196922197_7248548729840166776_n

È pomeriggio, temperatura decisamente estiva e afa insopportabile. Ma come si fa a mancare alla festa dei rioni per eccellenza?
La maratonina non competitiva è un gioco dove non serve essere bravi, forti, veloci o avere tecnica e preparazione… Serve semplicemente esserci, camminare con gli amici degli altri rioni e completare il percorso.
C’è però un banalissimo aspetto che la rende uguale agli altri giochi: si assegnano 20 importantissimi punti al rione con più partecipanti!
Partenza ore 15.00 dal parco di Villa Guffanti: macchie arancioni, verdi, gialle e ROSSE in ogni dove… noi siamo in tanti, ci siamo organizzati con bandiere e striscioni, trucchiamo bimbi e adulti e partiamo compatti!
Il Solaro dà come sempre sfoggio di coesione e organizzazione: camion attrezzato, acqua per tutti e tanta gente al seguito.
Il Mornera avrà anche meno rappresentanti, ma si sentono eccome!!!
Il Bozzente si conquista il primo posto con ben 253 partecipanti (sole due lunghezze sul Solaro!) e si prende pure in prestito il nostro elemento offrendo acqua a tutti al passaggio in zona Cerè… sì ma la prossima volta usate anche un po’ il vostro… l’aria manca!!!
E noi? SPETTACOLO PURO! Quasi duecento, compatti, festanti, con tanti bambini e con un baccano assordante (ormai una costante!).
Pronti, partenza, via la scia rossa si incammina… Proseguiamo ognuno al proprio passo, ma  l’appuntamento è nei pressi della fontana della stazione che i nostri volenterosi contradaioli hanno rimesso in funzione.
Ad attenderci due simpatici pescatori che immergendo la loro canna, tra una carpa e una ciabatta intrattengono i maratoneti per la foto di rito e la ri-partenza verso il traguardo.
DAI FACCIAMOCI SENTIRE NEL NOSTRO TERRITORIO! Via Duca d’Aosta, Via Figini e Piazza colorate di biancorosso, i ragazzi del palo che fanno da apripista tenendo lo striscione e i palazzi che rimbombano: Torre! Torre! Torre!
Oggi abbiamo vinto tutti… ancora una volta Viva il Palio!

d58884bf-99fa-4637-a062-9a0ccee3a26f

Maratonina Competitiva Femminile

Palio16 IV sera_004

La quarta serata di gare ci vede particolarmente tesi: i nostri runners sono superpreparati, coach Cana ha costituito un gruppo misto fantastico e ha soffiato costantemente sul fuoco dell’entusiasmo; tuttavia, pur fingendo di non guardare la classifica, quando ti accorgi che stai scivolando indietro qualche tarlo inizia ad insinuarsi… occorre reagire subito!
Approfittando dell’ottima prova dello scorso anno e in piena fiducia delle nostre ragazze, decidiamo per il JOLLY!!
Riscaldamento fatto! Foto fatta! Ripasso mentale del percorso (pieno di curve ma molto veloce) fatto! Consueto huddle pre-gara fatto!
Le ragazze sono pronte e la tifoseria biancorossa è quella delle grandi occasioni! Tifo assordante! Dai ragazze: ci siamo… è il vostro momento!
Il Mornera parte a razzo con Laura che fa gara a sé e, ve lo diciamo subito, vince doppiando buona parte delle atlete! Ma qui non vincono i singoli, questa è una gara di SQUADRA e vince chi fa il maggior numero di punti piazzandosi nelle prime 10 posizioni quindi: NO PANIC!
Le nostre donne impressionano da subito: Pamela e Camila subito dopo l’apripista, Ramona e Cristina nel gruppetto appena dietro, Elena leggermente staccata (strano, negli ultimi giorni ha fatto solo responsabile e allenamenti di due giochi e ha partecipato a tiro alla fune e maratonina, che è come riuscire a laurearsi contemporaneamente in ingegneria e medicina… provate voi!!!).
La gara è lunga ma già al secondo passaggio nella piazza gremitissima, Pam e Cami hanno fatto il vuoto e, nonostante le imploriamo di non esagerare per non finire la benzina, vanno come dei missili!
Dietro, Ramona e Cristina viaggiano assieme in stile scampagnata (!) e, aiutandosi, salutano una alla volta le avversarie.
A 700 dalla fine realizziamo che stiamo facendo qualcosa di immenso… al traguardo ne piazziamo 4 nelle prime 6 e, con l’arrivo di Elena, che ha tenuto bene il suo ritmo, è APOTEOSI!!! Popolo biancorosso in visibilio, abbracci e sorrisi misti a lacrime di gioia.
Venti punti incassati, che diventano quaranta per il jolly giocato magistralmente. Che runners, che castellane, che donne!!

Maratonina Competitiva Maschile

Palio16 IV sera_057

Passano solo 10 minuti e siamo già pronti per tifare gli uomini… anche loro hanno potenzialità ma, se il Mornera gioca il jolly, vuol dire che ha le carte buone.
Dopo i consueti riti pagani sotto S. Alessandro che ci guarda di traverso, lo speaker inizia il conto alla rovescia.
Dopo un giro più o meno tutti compatti: ci sarà da battagliare! Poi le posizioni diventano più definite, il top player del Bozzente scandisce il ritmo come fa ormai da anni ma i nostri ci sono, eccome se ci sono!!!
Secondo passaggio: bene; terzo passaggio: benissimo!!! Lorenzo sta appaiato al bozzentino (e dalla centrale operativa rionale che analizza i dati in tempo reale e si occupa di statistiche, ci dicono che non ci era mai riuscito nessuno), Francesco e Salvatore un battito di ciglia dietro, Marco a ridosso della zona punti (anche lui come Elena doppia laurea in fune e maratona e i nostri complimenti) e Alessandro, l’uomo delle lunghe distanze, dietro non di molto.
Ultimo giro! Bozzente vince (si fa per dire, si contano i primi dieci anche qui), Salvatore, che chiameremo “il professore” d’ora in poi per come ha gestito la gara, ci consegna un secondo posto pazzesco, un fantastico Lorenzo e uno stoico Francesco (che si porta in dote un piccolo infortunio patito in allenamento) quarto e sesto…. Il futuro è loro!
Arrivano tutti, la giuria si riunisce, non stiamo nella pelle, tensione, rulli di tamburo, squilli di trombe eeeeeeeeeeee…… siamooooooooooooo… PRIMIIIIIIIIIIIIII!!!!!
Lo speaker annuncia la classifica generale eeeeeeeeeeee….. siamooooooooooo… PRIMIIIIIIIIIII!!!!
60 punti in un’ora e mezza! Classifica ribaltata ma soprattutto un gruppo stellare e coeso, dieci atleti/e con un cuore gigantesco, due atleti (Luca e Giorgio) velocissimi ma che hanno privilegiato il gruppo in tipico spirito Palio e una curva che sospinge, incita, urla e aiuta come non mai!
Gente!!!!!! “Una serata così non me la ricordo proprio” (cit. nostro ex capitano Bruno)… Anche i tifosi più morigerati perdono il loro tipico aplomb britannico e parte la festa… Il cuore biancorosso pulsa forte! Vamossssssss!

p.s. Coach Cana, che già nella confusione generale aveva preteso e ottenuto un bacio da ognuna delle sue atlete, cerca di approfittare nuovamente della situazione e, visto l’ottimo lavoro e i risultati conseguiti, mette i vertici rionali spalle al muro: vuole sia adeguamento che prolungamento del contratto! Ci coglie alla sprovvista ma gestiamo la patata bollente accogliendo la prima richiesta e rimandando la seconda a fine palio… che fatica!

In queste occasioni c’è solo una canzone che possiamo citare: “Che domenica bestiale la domenica con te…” anzi no scusate…. sono due: Andiamo a comandare!!!!!

3 settembre – Oratorio di S. Martino – tiro alla fune maschile e femminile

Palio16 III sera_008 copia

Terza serata di giochi… e ci portiamo in trasferta su un campo tradizionalmente difficile!

Stasera è tosta, tostissima… nonostante i tanti sforzi, gli allenamenti nella cornice della fattoria Caffi (che approfittiamo per ringraziare dell’ospitalità) sono stati un percorso ad ostacoli perché, se non lo sapete, il tiro alla fune è specialità che richiede fisico pronto, resistenza, tecnica e coesione che manco quelle del nuoto sincronizzato sarebbero in grado.
Noi già lo sappiamo… grinta, concentrazione e buttiamo il cuore oltre l’ostacolo.
È già trapelato che il Bozzente donne si gioca il jolly avendo una specie di squadra di invincibili che, quando si allena con i maschietti, si diverte a ribadire la supremazia del gentil (…) sesso fuori dalle mura di casa.
Va il capitano per il sorteggio e, dopo un anno di gestione perfetta, combina la prima vera cavolata: chi pesca? Proprio il loro dream team…. Le nostre donne sono ad un bivio … risparmiamo energie o proviamo a combattere? Sguardi di intesa e decisione da biancorosse impavide: si lotta! Le due tirate sono impari, le altre sono fortissime ma scatta qualcosa nella Squadra: oh non siamo per niente male… dopo ce la giochiamo!
Entrano gli uomini: prima tirata coi bozzentini eccellente: avete presente l’esercito cinese alle parate? Ecco… ci muoviamo in sincrono e mettiamo in cascina l’uno a zero, ma poi un po’ ci disuniamo e un po’ abbiamo una sfiga pazzesca: Vale gioca con un menisco e con un polpaccio in meno, Ivan cerca di far capire alle sue braccia che fanno parte del corpo, Bruno ha la schiena a pezzi ma, da vecchio cuore biancorosso, sa che deve esserci, Filippo, Stefano e Marco fanno finta di non avere fatto prima e di non avere gare dopo che minano il fisico,  i due colossi Carlo e Daniele ci danno dentro ma il Bozzente ci supera.
Andiamo in finale con il Mornera, ma gambe, braccia, mente e schiene ricordano ai nostri ragazzi che una tirata in più si sente eccome e noi per non farci mancare niente ce ne regaliamo un’altra…. Tiriamo sei volte, più di chiunque altro, e alla fine distrutti molliamo… Niente ragazzi, avete dato tutto e il tifo biancorosso, compatto, numeroso, armato di maracas ma soprattutto di possenti corde vocali di ogni età apprezza!
Ah le donne… le abbiamo lasciate in coda perché ci regalano una delle emozioni più belle di questo palio…
Una per una perché se lo meritano: Veronica, pur essendo nuova della specialità tira con veemenza, la veterana Cinzia che non smette un attimo di spronare le altre, Lucia che lascia a casa la consueta gentilezza e fa capire che sul campo di gara è meglio lasciarla stare, Edy e Piera, fisico esile ma nervi d’acciaio, Marta che non ha esitato un attimo a buttarsi nella mischia e Elena che a generosità, caparbietà e cuore non è seconda a nessuno ma abbina anche una qualità inaspettata.
Poi ragazzi, un discorso a parte merita il coach Gigi: non è neanche di Mozzate ma ha La Torre dentro, non manca mai, si sacrifica…. Mhmmm come ricompensarlo? Niente paura… nel modo migliore che si può… le ragazze entrano col Solaro per la finalina, le vedi che tirano con tutto quello che hanno in corpo e il loro sforzo scatena letteralmente la curva biancorossa.
Dopo due battaglie ci regalano una vittoria che, non abbiamo vergogna a dirlo, ci commuove!
Ve la meritate! Ce la meritiamo!
La classifica non la guardavamo due giorni fa, non la guardiamo oggi… ma non siamo distanti; l’onda biancorossa è pronta ad infrangersi sulle vie del paese per la maratonina di domani!

2 Settembre – Piazza Sant’Alessandro – A Cena Dal Convocato

Stasera pausa! Seeeeee, si fa per dire… niente giochi ufficiali, niente riunioni, ma il convocato si “mette ai fornelli” e ci fa fare il Giro d’Italia!! Arrosticini abruzzesi, porchetta umbra, caprese di bufala campana! Sì vabbè, la birra è tedesca ma non ditelo a nessuno…
Il folto gruppo è composto da tutto il convocato, tutta la giuria e qualche altro volenteroso di ogni rione…
Qualcuno si improvvisa cuoco, qualcuno barman, altri si cimentano nell’estenuante lavoro di girare gli arrosticini cotti rigorosamente al momento e poi una folta schiera di camerieri e aiuto cuoco…
L’idea che anima la serata è quella che fa da filo conduttore alla manifestazione: aggregazione, divertimento, compagnia e… facciamo vivere il paese! I rioni tutti insieme, tutti raggruppati… chi vuole vedere come si sta bene a fare il Palio?? Esca di casa!!
A cena terminata la ‘competizione’ continua con 4 simpatici giochi in cui si cimenta il nostro convocato.
E…. via con ‘Acqua basket’: i consiglieri salgono in cielo su una piattaforma e lanciano palloncini pieni d’acqua al proprio capitano, posizionato sotto, che deve tentare di raccoglierli in un catino. Classifica del gioco?? Mai pervenuta… va a finire tutto in una maxi gavettonata con ovvio disappunto delle agenzie di scommesse.

14183925_1162335193829606_3966528122601147437_n

Proseguiamo con “girano le balle”: avvincente staffetta in cui consiglieri e capitano si alternano in un percorso tortuoso (il ciotolato del sagrato) facendo rotolare delle balle di fieno. La Torre signori stravince …. conquistando l’ovazione del pubblico di tutti i rioni!

14203311_1162336540496138_3095331677695017746_n

La competizione si fa ancora più agguerrita con la fatidica ‘Corsa dei carrarmati’ che consiste nel far passare le sedie sopra le teste tentando di percorrere la maggior distanza possibile. Esito? Incerto!!! Cartellino rosso per gli altri rioni che sfregiano le regole del gioco, facendo perdere completamente il controllo ai giudici di gara! Gianluca, Luca e Mille le regole non le infrangono proprio non capendo minimamente come si svolge la gara!!!

14233163_1162337167162742_3733212298722037457_n

E la serata si conclude con un gran finale: Torte in faccia al Maggiorente… Andrea si presta e il suo convocato non si fa pregare! Panna montata a gogo e il boss del Palio viene simpaticamente sommerso!

14183738_1162337673829358_940418420006076933_n

E stasera hanno vinto TUTTI!!! Simpatia, unione, aggregazione…. 4 colori insieme, 4 colori a far rivivere il nostro paese!

E il terzo tempo?? Convocato, giuria e volenterosi dopo mille fatiche si siedono a cenare… Ma attenzione dove sono finiti tutti gli arrosticini rimasti?? Mille decide di mangiarne a decine nascondendo le prove del reato (i bastoncini di legno) sotto il piatto della porchetta.
Risultato? Processo per direttissima che lo vede crollare in una strappalacrime confessione.
Reato scontato con un abbondante offerta di birra! Rigorosamente rossa!!!!

1 Settembre – Oratorio di Mozzate e Ottagono Piazza Cornaggia – Gioco della spugna e Taglio dei tronchi

Lancio della Spugna

86847522-9da9-47ba-8d4b-a743f6f007a7

Eccoci qui di nuovo tutti insieme per la seconda giornata di giochi, serata molto calda, ideale per il gioco della spugna.
Ieri sera eravamo tutti pari ma questa sera noi siamo la capolista, consapevoli della nostra forza… cerchiamo in tutti i modi di ripetere esattamente gli stessi gesti della sera prima per scaramanzia livello: ESTREMO.
Prima cosa fissare lo striscione poi… il sorteggio, vediamo cosa succede….
Primo rione estratto per la postazione numero 1… TORRE… proprio come ieri…
Foto di rito e poi i nostri ragazzi branchiati si mettono ognuno nel proprio cerchio.
Matteo in postazione “puccia e lancia”, Chiara secondo anello di congiunzione, Simone in terza posizione e in fondo la strizzartice Iris.
Si sono allenati costantemente e sembrano guardarsi negli occhi ripassando insieme a mente tutte le raccomandazioni che la responsabile Elena ha ripetuto e ripetuto fino allo sfinimento.
Si comincia, andiamo via bene… la spugna parte carica d’acqua e, quando arriva in fondo, Iris la strizza con tutta la sua forza e la rende secca e arida.
Il boccione si riempie ma forse per l’emozione della gara ci viene a mancare un pochino di precisone; il Mornera passa al comando e sembra irraggiungibile, noi rimaniamo in lotta con il Bozzente per il terzo posto fino alla segnalazione del minuto finale.
Qui succede qualcosa; non sappiamo se il nostro, elemento che abbiamo coccolato tutto l’anno, ci viene incontro o se la macchina idrica messa in campo dai nostri atleti raggiunge il numero massimo di giri, ma cominciamo a staccare il Bozzente e chiudiamo con un gran Terzo Posto.
Abbraccio meritato con tutti i ragazzi e poi via tutti sotto la curva che chiama i nostri ragazzi anfibi.
Missione compiuta siamo ancora in testa.

Taglio dei Tronchi

Nemmeno il tempo di asciugarsi che già siamo tutti sull’ottagono….

Ah no un momento… prima va sistemato il campo da calcio…qualcuno penserà e va bè cosa ci vuole…
In effetti sembra facile, così ci avviamo per sollevare i blocchi di cemento più lontani… mai errore fu stato più grave! Sono pesantissimi!!!!!

61fe14e1-d0d7-486b-9394-b7b38ea1765a

I nostri ragazzi sono in postazione numero 2, la luce non è delle migliori ma loro sembrano non curarsene…
Arrivano i tronchi e vengono posizionati sui rispettivi cavalletti.
Da questo momento è possibile segnare il tronco, i ragazzi lo analizzano al microscopio alla ricerca di nodi e poi li evitano con precisione maniacale.
Il Mornera si presenta con una squadra di 4 pugili, ma è il Solaro che alza la voce giocando il JOLLY!
Fischio di inizio, si parte!!!! Le coppie di fatto formatesi durante il lungo corteggiamento degli allenamenti sono:

  • Valentino, già veterano della specialità, e Daniele, primo anno quindi massima concentrazione; la sega deve lavorare in tutta la sua lunghezza e lui sembra ripeterselo in testa costantemente
  • Enea, rodato partecipante delle scorse edizioni, e Stefano, il tagliatore più elegante della zona

Il Solaro si porta subito al comando, mentre gli altri procedono di pari passo…
Ma è solo l’apparenza….
Il Solaro diventa subito irraggiungibile mentre noi cominciamo piano piano a guadagnare millimetri, che diventano centimetri, che diventano prima un quarto di fetta… poi mezza fetta poi una fetta intera…
Siamo secondi, e le ultime 5 fette non le tagliano solo i nostri mastri del legno ma tutto il nostro pubblico che con un tifo assordante spinge la sega insieme a loro.
Alla fine noi portiamo a casa uno storico secondo posto che ci scorderemo difficilmente e i nostri quattro boscaioli una birra (ROSSA ovviamente) ciascuno come premio! Solo una breve analisi per capire se si sono impegnati solo per raggiungere il premio, poi il consiglio rionale li scagiona con formula piena: superperformance ottenuta solo con tenacia e passione per i colori biancorossi. Bravissimi loro!!!!

Poi il fulmine a ciel sereno, inaspettato… Aperta un’indagine per furto aggravato nei confronti del nostro Capitano.

Il tempo di contattare i migliori penalisti della bassa comasca, celebrazione del processo per direttissima in mondovisione e pronta risoluzione del giallo: la fetta di legno con la scritta “La Torre” che si era portato via se l’è meritata alla grande e gli spetta di diritto!!! Fiuuuuuuuuu!!!!

IMG_9312

La classifica dice Solaro, ma ci separano da loro solo i 20 punti che hanno ottenuto con il jolly.

Onestamente, dopo una serata di emozioni così, la classifica non la guardiamo…. Tutti a nanna che domani ne vedremo delle belle!!!

31 agosto – Campo Sportivo – Ruba Bandiera, Corsa coi tricicli, Corsa coi Trampoli

Via ai giochi!

Si parte con ruba bandiera…

IMG_9230

sorteggio e contro chi si gioca la prima? Solaro! Noooo…. “ma non li batteremo mai”, “ma io sono contro quello che è velocissimo”, “ma loro sono fortissimi”….. Cosaaaaaaaaaaaaa? Non scherziamo ragazzi! Noi siamo La Torre! Margareth e Lorena vi hanno allenato alla grande; grinta, concentrazione e facciamo vedere chi siamo.
Inizio a singhiozzo; tensione da grande evento?! Poi ci sblocchiamo, passiamo davanti, poi voliamo, poi dominiamo, poi sotto la curva biancorossa!!!
Adesso tutti seduti a vedere chi ci capita in finale…
Aaaaah il Mornera… Cavolo ne hanno dentro di forti…. Ma i nostri ragazzi ormai sono in fiducia…
Sta per iniziare la finale… tre-due-uno…. Noooo fermi tutti, due-tre dei nostri devono andare a fare pipì!!! Grande stratagemma per innervosire l’avversario studiato mesi orsono a tavolino dopo svariate riunioni tecniche.
Dai si inizia. Servono 16 punti per la matematica vittoria e saliamo fino a 15-8 per noi… ma chi siamo?! Però il saggio insegna: mai mollare la presa… fanno 9-10-11-12-apprensione-13-chiamate contestate-14..… ma quando arriva sto maledetto punto?
Numeroooo 12: Stefano parte a razzo, due finte, prende la bandierina e indietro come Bolt… ma quando lo prendono?! Sedici!!!!! Abbiamo vinto!!!
Lorena e Margareth con Chiara, Martina, Alyssa, Elisa, Sara, Francesca, Khadija, Lara, Melissa, Latifa, Matteo, Alessio, Gabriele, Federico, Mattia, Stefano, Giovanni, Alessio, Davide, Lorenzo, Chiara, Priscilla, Chiara, Giulia, ci avete dato i primi 20 punti….. Grandiiiiiiiiiii!!!! Siamo orgogliosi di voi!

Corsa coi tricicli…

IMG_9225

dai dovremmo fare bella figura; i ragazzi si sono allenati tantissimo, i tempi non sono male. Stefano è una corda di violino, Christian ostenta sicurezza, Alice esperienza da veterana, i più piccoli un po’ in tensione… Elena è una molla, carica a pallettoni i suoi ragazzi e già dall’huddle pre-gara si capisce che è nostra.
Gara velocissima i tricicli… dettagli di tecnica, sincronismi, gambe elastiche e, come sempre, grinta e cuore.
Parte fortissimo il Bozzente ma noi siamo lì; addirittura Andrea fa un tempone e ci porta davanti, ma tutti i nostri sono spettacolari! Arriviamo all’ultimo cambio e siamo secondi ma di poco e poi che dire? Il nostro mitico over40 scarica a terra settimane di prove! Dopo 20 metri è a pari, dopo 30 davanti, dopo 40 davantissimo, poi non si ferma più!!! Il resto è storia!
Ragazzi, questa non è una vittoria… è il trionfo di una grande squadra! Elena con Alyssa, Elisa, Alice, Alice, Matteo, Andrea, Christian, Stefano siete il nostro Dream Team!!!!
Che emozione gente! Spettacolo puro, altri 20 punti in cascina e si va via a punteggio pieno! Va bene, calma, siamo solo all’inizio, però……

Tutti sui trampoli…

IMG_9276

Ecco l’ultima gara della serata. La più difficile, perché andare sui trampoli non è semplice, farlo per mezza pista men che meno e soprattutto perché Bozzente e Solaro schierano i pezzi da novanta.
Ma Ivan e Filippo sanno il fatto loro e non trascurano i dettagli tecnici a inizio gara. Siamo in prima corsia, quindi possiamo guardare gli altri e gestire.
Via! Bozzente e Solaro se ne vanno… oh ragazzi sono proprio forti, complimenti a loro!
Il Mornera fino ai 100 sembra non darci scampo, poi Ivan scandisce il suo ritmo inesorabile, l’equilibrio è perfetto e già al cambio siamo terzi. Filippo sa il fatto suo, parte forte, gli intimiamo di star tranquillo che ha già un buon vantaggio ma lui, che già è alto, è sui trampoli e forse la voce lassù non arriva, continua divorandosi la pista e taglia il traguardo, siamo terzi!!. Moooolto bene… di più non si poteva.
Il Mornera arriva dopo, ma con gli atleti in occhiali da sole, parrucconi e ombrellina al seguito vincono ugualmente. Bravi. Bravi tutti.
Filippo, colonna del rione e partecipante ai giochi più duri, ha “spaccato” e Ivan, considerati anche i pochi allenamenti, è stato una grande sorpresa.
Ottimo ragazzi! Primato di giornata acquisito.
Bellissima serata davvero, atmosfera splendida.
I nostri tifosi si fanno sentire eccome (“cuore biancorosso, faccio il tifo a più non posso”), vai col nostro mantra VAMOSSSSSSSSSSSS

30 agosto – Campo Sportivo – Cerimonia di inaugurazione, SS. Messa e Giuramento dei Capitani

14202762_624959157684646_8843763909161992608_n

Il grande giorno è arrivato!!! Non stavamo più nella pelle… Con un sospiro di sollievo: fino alle 17 a guardare il cielo e soffiare per spostare le nuvole, ma d’altronde quando i nostri espertoni dicono che non piove, non piove.
Il campo sportivo finalmente si popola di gente, soprattutto bambini, con colori, bandiere, suoni e chi più ne ha più ne metta!
Via alla parata degli atleti… nel nostro piccolo sembra di essere all’Olimpiade. Noi de La Torre tutti compatti, uniti, festanti… via un saluto alla tribuna e poi disposti per l’inno nazionale. Arrivo della fiaccolata da Assisi, Messa di benedizione e inizio ufficiale: si accende il braciere, i capitani giurano (per il nostro Gianluca è il primo anno, grande emozione…. Vai capitano siamo tutti con te!!!).
Poi fuochi d’artificio e i colori dei fumogeni che si mischiano perché da domani, con sportività, ci si dà battaglia ma stasera siamo tutti del Palio.
Il Palio è iniziato!!! Vamossssss Torre!!!!

I commenti sono chiusi.